La prima volta che bevvi questa birra fu come sostituto di una Kriek (birra alla ciliegia). Nella birreria dove mi trovavo volevamo concludere la cena con una Kriek ma ne avevano solo da 75cl e in 2 la ritenemmo troppa soprattutto dopo quelle già bevute 🙂

Il proprietario ci ha dunque consigliato questa Duchesse de Bourgogne che è stata una sorpresa molto piacevole.

Ieri ne ho stappata una dalla mia scorta personale a merenda. Non la ritengo opportuna per pasteggiare ma ottima per questi momenti, e questa mia considerazione la estendo a tutte le birre acide.

Pare che questo tipo di birrificazione, Flanders Red Ale, sia di origini molto antiche e la particolarità è la fermentazione lunghissima (fino a 2 anni) in botti di quercia. Il proprietario della birreria di cui scrivevo ha detto che viene fatta fermentare 2 anni in tini aperti ma di questo non ho trovato conferma. Si parla di botti o “barrel”

Un’altra caratteristica di produzione fondamentale è il miscelare una birra maturata per 8 mesi e una di 18 mesi. In generale l’usanza di miscelare birre “giovani” a birre più “vecchie” era molto in voga per regolare l’acidità delle seconde in Belgio e Inghilterra.

Com’era per me

Già il fatto che l’ho ricomprata attesta che vado abbastanza d’accordo con questo prodotto. Sicuramente, tra le acide, è per il momento la mia preferita ma ne ho ancora tantissime da provare.

La cosa bella della duchessa è che è fruttata e ricca tanto da sembrare fatta davvero con dei frutti rossi o delle ciliegie. Ha una buona schiuma ma non eccessivamente persistente, il colore è sulle tinte del rosso molto scuro e non perfettamente limpido.

Sicuramente l’evoluzione della bevuta è la cosa più interessante perché all’inizio arriva acida e dolce, molto bilanciata. Sviluppa i sentori di frutta e in fine ti sale al naso la nota acidula quasi come un pizzicore che ti risveglia. Vi si riconosce l’aceto di mele o, per chi ha i parenti che fanno il vino molto male…quello! 🙂

Secondo me l’uso perfetto è dividerne una con un amico all’aperitivo, dopocena o quando vi va. 33 cl possono essere eccessivi nei mesi più freddi, mentre d’estate va giù da sola.

Se vi interessa lo stile Flanders Red Ale, il BJCP consiglia anche questi altri esempi:

  • Cuvée des Jacobins Rouge
  • Rodenbach Grand Cru
  • Rodenbach Klassiek
  • Vichtenaar Flemish Ale

Ho ordinato una Rodenbach per una futura degustazione.

Com’è per gli altri

Su Untappd ha un rating di 3.77/5.

Su Ratebeer ha un rating di 3.71/5.

Su Beeradvocate ha un rating di 4.15/5.