Siccome per le feste di natale sono spesso fuori casa, durante il ponte dell’Immacolata raggiungo la mia famiglia ed è ormai tradizione che io prepari i Cinnamon Rolls o Cinnamon Buns se più vi piace.

Un dolcetto Svedese che viene consumato durante la Fika secondo wikipedia, cioè durante la pausa caffè. Non so quanto di originale è rimasto negli anni alla mia ricetta, ma vi garantisco che vi piacerà tantissimo.

Bando alle ciance ed ecco a voi la cose da fare. Unico requisito PRO è avere una planetaria oppure davvero tanta, ma tanta energia e pazienza per impastare 🙂 .

NOTA: non ho troppe foto di quello che ho fatto perché nel mentre stavo pure facendo la birra, ma il procedimento lo trovate ovunque, ci tenevo a condividere la ricetta.

Ingredienti

Per l’impasto:

  • 550 gr di Farina Manitoba
  • 25 gr (1 cubetto) di Lievito di birra
  • 50 gr di zucchero semolato
  • 50 gr di malto d’orzo
  • 2 Uova (non troppo pallide)
  • 200 ml di latte
  • 70 gr di burro a pomata
  • Scorza di limone (pochissima)
  • Baccello di vaniglia
  • Pizzico di sale

Per la farcia:

  • 150-200 gr di zucchero di canna
  • 85 gr di burro a pomata
  • Tanta cannella quanto vi piace!

Per la glassa:

  • 250 gr di Philadelphia
  • 80 gr di burro a pomata
  • Baccello di vaniglia

Impastiamo

Per fare le cose a modo seguo l’ordine fondamentale degli impasti lievitati: più è grasso e più aspetta per finire nella miscela.

Prepariamo la biga sciogliendo il lievito in un bicchiere di acqua tiepida al quale aggiungiamo 1 cucchiaio di farina e un paio di cucchiaini di zucchero. Dopo 20-30 minuti sarà pronto, assicuratevi di aver utilizzato un recipiente abbastanza capiente perché aumenterà di volume. La biga farà partire una lievitazione più performante.

Pesate tutti gli ingredienti, ovviamente, e inseriteli seguendo quest’ordine nella planetaria in moto a velocità minima, con il gancio montato:

  1. Inserire la farina Manitoba, i semini del baccello di vaniglia, le scorze di limone, lo zucchero e il malto.
  2. Aggiungete la Biga a filo e lasciate che la farina la incorpori.
  3. Aggiungete il latte a filo.
  4. Aumentate la velocità di rotazione della macchina e abbiate fiducia, dovrete attendere un poco prima di vederlo incordare per bene.
  5. Quando l’impasto ha raggiunto una consistenza apprezzabile, cioè quasi una palla unica, aggiungete le uova una alla volta. Attendete che vengano bene incorporate dall’impasto e questo diventi di nuovo una palla.
  6. Aggiungete ora il burro pomata (che significa “della consistenza di una pomata”, dunque molto ammorbidito) all’impasto, un poco per volta.
  7. Ora è tempo del sale.
  8. Attendete che l’impasto girando arrivi a pulire tutta la parete del contenitore della planetaria.
  9. A questo punto si lascia l’impasto raddoppiare ben chiuso in un contenitore, io fodero di pellicola quello della planetaria.

Prepariamo la glassa

In una terrina sbattiamo il Philadelphia, i semini del baccello di vaniglia e il burro a pomata con una frusta. Tutto qua, ma se la mangi col cucchiaino mentre la fai, poi non basta! Conservare fuori dal frigo. Notare che non verrà una glassa liquida ma abbastanza consistente.

Rolliamo

Ora che l’impasto è raddoppiato seguite questi passaggi:

  1. Con l’aiuto di farina, mattarello e pazienza stendete l’impasto su una spianatoia o un piano. È molto morbido ma è questo che ci garantirà il miglior risultato.
  2. Ora che avete il vostro rettangolone circa 60×60 cm pronto ricordate la cosa più importante: il bordo più lontano a voi deve rimanere scondito per diciamo 10 cm. Questo ci garantirà di poter chiudere il tutto e mantenere la forma in forno, vedrete.
  3. Si spalma il burro a pomata della farcia e si cosparge il tutto di cannella.
  4. Solo ora si può mettere allo stesso modo lo zucchero di canna, se avessimo fatto il contrario non sarebbe stato facile capire quanta cannella avevamo versato e dove.
  5. Iniziate a rollare il rettangolo e, quando arrivate all’ultimo lembo scondito, spennellatelo con dell’acqua così che possa aderire perfettamente all’impasto e sigillare il tutto.
  6. Preparate delle teglie coi bordi alti e della carta forno o velo di burro.
  7. Tagliate la testa del rotolo che di solito è sformata, così come la coda. Potrete infornarla poi o eliminarla, non ci cambia molto.
  8. Tagliate “fette” del rotolo spesse almeno 2 cm e man mano disponetele nelle teglie. Io direi che in una teglia 40×40 ne vanno 12, poi fate qualche prova tanto al massimo si attaccano. Anzi aggiungo che io li preferisco bassi i rolls, da mangiare senza posate, mentre alcuni li fanno parecchio alti. Fate voi, che mi frega! 🙂

Inforniamo

Nel forno a 190 gradi non ventilato li teniamo tra i 10 e i 15 minuti. Io gli ultimi 5 minuti glieli faccio fare col ventilato acceso in modo da colorarli di più.

Glassiamo

Un cucchiaio di crema su ogni roll appena sfornato, dopo un paio di minuti si stende meravigliosamente con una spatola aiutato dal calore e siamo pronti per mangiarli!