Prosegue il viaggio dall’odore di intelligenza artificiale iniziato qui. Mi dispiace, ma non mi sono stancato di giocare con la tavoletta grafica 🙂

Si comincia a definire meglio cosa Machine Learning significa e tutto quello che in effetti vogliamo sapere: come diavolo fa un computer ad imparare?

Proprio come un bimbo

In effetti, scenari distopici e apocalittici a parte, un computer segue per imparare dei modelli molto simili a quelli umani. Può succedere che apprenda da qualcuno, cioè un tutor, e in questo caso si chiama Superviced Learning. 

Può succedere anche che impari mediante l’osservazione, come facciamo noi vedendo Stefano il Falegname su Youtube. Solo in maniera più “matematica”. Si parla in questo caso di Unsuperviced Learning.

Esiste anche una via di mezzo dove la macchina inizia con un tutor (che badate possono essere pure migliaia di tutor!) e con un set di dati ridotto, per poi buttarsi nella mischia e raffinare quello che ha imparato. Metti la cera, togli la cera!