Il mondo della pizza, pur senza scomodare esperti e neo-influencer di sta ceppa, lo frequentiamo tutti con discreto piacere e di sicuro conosciamo le differenze tra una pizza classica, una pizza alla pala e una pizza al taglio.

Così come è sicuro che, se pure non ci siamo stati, abbiamo una certa conoscenza delle pizze americane (mah!). Discutendo con un mezzo parente oltreoceano mi prende voglia di fare una pizza “all’americana”, in vista del mio compleanno.

Il trucco è semplice: metterci tutto quello che ti viene in mente, ma mangiarne solo una fetta! Vi mostro come ho fatto, senza velleità da food blogger però, così come viene.

Si parte con un impasto classico per pizza in teglia e, se potete, è meglio lavorarlo a macchina.

I condimenti

I condimenti vanno a piacere, come è ovvio. Io ho dovuto farne una metà vegetariana (argh!), in generale ci ho messo:

  • Mozzarella (rigorosamente sfilacciata a mano)
  • Scamorza affumicata
  • Emmental Svizzero
  • Grana Padano
  • Salsa di pomodoro (passata, aglio, olio, zucchero e sale)
  • Salame piccante
  • Salame dolce alla paprika
  • Funghi Champignon
  • Peperoni gialli
  • Olive nere
  • Salsa Barbecue (con cui spennellare il bordo)

Il bordo ripieno

Una cosa che vi consiglio sicuramente in una pizza del genere è di non dimenticare il bordo, o la crosta se preferite. Io ho optato per riempirlo con formaggio svizzero e spennellarlo di salsa barbecue prima di infornare. È una cosa zozzissima ma parliamo di una pizza MONOFETTA!

L’assemblaggio

Assicuratevi di aver lasciato la mozzarella 4-5 ore in frigo tra due strati di carta forno per de idratarla un poco. È l’unico accorgimento. Dopo aver farcito i bordi procedete come segue.

Il risultato

Cottura in forno a 220° C per il tempo necessario. Il risultato è una pizza ottima e ovviamente pesantissima. Dunque ricordate: solo una fetta!!! Magari 2, ma proprio al massimo 3….