Sto leggendo questo libro ma in generale mi sto interessando all’argomento del “carico etico” delle scelte automatizzate ed è un viaggio che consiglio ad ognuno di voi perché è affascinante e perché ne va del nostro futuro.

Siamo circondati dai Big Data, il nostro destino viene deciso dalle Reti Neurali eppure non siamo in grado di programmare un computer per fare la scelta giusta. Semplicemente perché noi non sappiamo spiegare cosa è giusto 🙂

Non voglio perdermi in discorsi filosofici e nemmeno pratici, voglio lasciarvi con qualche dubbio:

  • Sareste disposti a rinunciare alla vostra privacy (a buona parte di essa) per vivere in un mondo più equo?
  • Sareste disposti ad accettare che ci sono delle minoranze destinate a ballare la musica suonata dalle maggioranze?
  • Sapete che un computer può fare già scelte molto migliori di un umano ma il limite è che non sappiamo porgli la domanda giusta?
  • Come spieghereste ad una banca che deve prestare i suoi soldi anche a chi ha più probabilità di finire in sofferenza?

Qualche conferenza degli autori del libro: